• 23 Gennaio 2019

Claudio Cecchetto racconta: “il talento è un dono”

Claudio Cecchetto racconta: “il talento è un dono”

Claudio Cecchetto racconta: “il talento è un dono” 560 315 Karis Foundation Rimini

Lunedì 21 gennaio le classi terza B e C delle scuole medie Karis hanno incontrato Claudio Cecchetto, talent scout e deejay di fama internazionale, compositore del famosissimo brano “Gioca Jouer” e padrino artistico di talenti preziosi quali, solo a titolo d’esempio, Lorenzo Cherubini in arte Jovanotti e Max Spezzali.

Claudio Cecchetto si è reso disponibile a farsi intervistare dai nostri studenti Karis in occasione dell’annuale concorso “Cronisti in Classe” indetto dal QN – Il Resto del Carlino: a tema, ovviamente, tanta musica, dai generi che ha fatto storia alla più recente ‘Indi’, passando per i fenomeni televisivi lanciati dai Talent Show come I Maneskin o il vincitore di XFactor Anastasio, nuovo idolo dei giovani.

Nell’acceso dibattito fra gusti musicali, curiosità e aneddoti di esperienza, Claudio ha regalato ai nostri ragazzi delle medie Karis un prezioso punto di riflessione: talento e successo sono cose diverse, da non confondere.

Il successo, inteso come fama, è un elemento che può o non può accadere, in base a un mix di fattori quali l’impegno, la serietà, la fatica e, sopratutto, una buona dose di fortuna.

Il talento, invece, è nel racconto di Cecchetto un dono, qualcosa che ti ritrovi addosso senza averlo chiesto o voluto. Proprio per questo, così ha concluso Claudio Cecchetto, “il talento è una cosa solo tua, unica, che nessuno ti potrà mai togliere”.

Tanti gli argomenti che Claudio ha dunque consegnato agli studenti Karis: non ci resta che attendere la pubblicazione dell’articolo sul Resto del Carlino di Rimini.

    Il sito usa cookies, soprattutto servizi di terze parti. Definisci le tue preferenze e accetta o meno l'uso dei cookie per la navigazione corretta del sito.